Coronavirus. «Migranti esclusi dalle vaccinazioni: è un’emergenza di salute pubblica»

La Società Italiana di Medicina delle Migrazioni denuncia: «Violati i diritti costituzionali, la piattaforma va aggiornata per allargare i trattamenti a chi non ha documenti e codice fiscale»

Migranti da vaccinare: un’emergenza umanitaria e sanitaria nello stesso tempo. Sarebbero circa 500mila in Italia le persone senza permesso di soggiorno, la maggior parte delle quali prive anche di un documento d’identità, che non possono prenotarsi per ottenere il trattamento anti-Covid (operazione per la quale serve il codice fiscale alfanumerico). E a questi vanno aggiunti gli 80mila richiedenti asilo in attesa di una risposta. Invisibili, anche dal punto di vista ammini-strativo.

Soggetti fragili che non potendosi considerare «stabilmente presenti» nel nostro Paese (come precisato nel sito Aifa alla voce “procedure di vaccinazione”) non hanno diritto al tesserino sanitario, nè ad avere un medico di base e non rientrano, almeno per il momento, nella categoria dei vaccinandi. La loro presenza sul territorio nazionale impedisce però, nel frattempo, il pieno controllo epidemiologico della popolazione. Essendo esposti al contagio, rappresentano infatti un rischio per sè, perché si possono ammalare, e per gli altri.

C’è poi il risvolto giuridico della questione: la salute è un diritto fondamentale dell’individuo che viene garantito dalla nostra Costituzione (nel- l’articolo 32) a tutti coloro che vivono sul territorio, anche se in via temporanea. Restano dunque invisibili, gli immigrati, anche se affidati a centri di accoglienza che se ne fanno carico per tutte le altre necessità, comprese quelle sanitarie. E si tratta di una categoria finora dimenticata pure dal commissario straordinario per l’emergenza Covid, Francesco Paolo Figliuolo, che non ne fa cenno nemmeno nell’ultima ordinanza per l’esecuzione del piano strategico vaccinale elaborato dal ministero della Salute e dall’Istituto superiore di sanità.

Ma è probabile che questa fascia debole venga considerata appena saranno ultimate le fasi già programmate. Perché non c’è dubbio che anche gli immigrati hanno il diritto di curarsi, e quindi di essere vaccinati, come previsto dall’articolo 35 del Testo Unico che disciplina l’immigrazione: «Ai cittadini stranieri presenti sul territorio nazionale, non in regola con le norme relative all’ingresso e al soggiorno, sono assicurate, nei presidi pubblici e accreditati, le cure ambulatoriali e ospedaliere urgenti o comunque essenziali, ancorché continuative, per malattia e infortunio e sono estesi i programmi di medicina preventiva a salvaguardia della salute individuale e collettiva».

A lanciare l’allarme e fare delle proposte su questa “emergenza nell’emergenza” è la Società Italiana di Medicina delle Migrazioni (Simm) la quale sul proprio sito web, con un articolo firmato da Emanuela Petrona Baviera, chiede «che la piattaforma nazionale di registrazione dei vaccini venga prontamente aggiornata in modo tale da permettere di default l’inclusione dei pazienti senza codice fiscale secondo le stesse sequenze di priorità clinica della popolazione italiana». Il Simm chiede inoltre «indicazioni precise, nazionali, che guidino le sanità locali, giuste modalità e le scadenze temporali per adeguarsi in maniera tempestiva e uniforme su tutto il territorio al piano delle necessità pratiche, che sia prevista tecnicamente una maggiore flessibilità riguardo alla residenza o alle documentazioni in possesso degli utenti, onde evitare che farragini burocratiche vanifichino la necessità di dare urgente risposta a questa istanza di salute pubblica globale e comunitaria ».

A sollevare la questione, nel febbraio scorso, erano state anche le associazioni che aderiscono al Tavolo immigrazione salute ( Tis) con una lettera al ministro Roberto Speranza. «Abbiamo fatto un calcolo – precisa Salvatore Geraci, responsabile sanitario della Caritas di Roma – di quante possano essere le persone, nell’ambito della “fragilità sociale”, che rischiano di essere escluse se non si attivano iniziative e percorsi adeguati: in Italia sono circa 500mila gli immigrati senza un permesso di soggiorno, alcuni dei quali senza documenti o non riconosciuti dal nostro ordinamento anche se possono avere il codice Stp (Straniero Temporaneamente Presente) che viene dato loro per l’accesso alla sanità e, per i comunitari non in regola amministrativamente, difficilissimi da quantificare ma diverse decine di migliaia, la tessera Eni (Europeo non iscritto, non garantita da tutte le Regioni). Ma ci sono anche gli stranieri, poco più di 200mila, che hanno fatto domanda di regolarizzazione che nella stragrande maggioranza dei casi ancora non è stata esaminata e così queste persone si trovano in un “limbo amministrativo”, non più irregolari ma non ancora riconosciuti.

Ci sono immigrati accolti in strutture spesso ancora in fase di esame della loro posizione amministrativa o con difficoltà di inserimento sociale: sono circa 78.000 (67% in Centri d’accoglienza straordinari, Cas), essi hanno diritto all’iscrizione al Sistema sanitario nazionale ma, soprattutto nei Cas, i percorsi amministrativi sono incerti e frammentati – sottolinea Geraci –. E poi ci sono i minori stranieri non accompagnati, le persone vittime di tratta, accolte in specifiche strutture, e ancora molti rom, sinti e caminanti che vivono in campi di fortuna. E non vanno dimenticati i senza dimora, anche italiani, che popolano spesso angoli anonimi delle grandi città».

Una platea ampia che trova soprattutto nelle metropoli le situazioni di maggiore disagio. «In base a un monitoraggio della prefettura di Milano,che si riferisce al 22 aprile scorso – afferma Laura Rancilio, responsabile Area dipendenze di Caritas Ambrosiana – risulta che su 24mila domande presentate con procedura di emersione nell’area metropolitana del capoluogo, sono state rilasciate solo 6.776 nuove tessere sanitarie a cui se ne aggiungono altre 465 in via provvisoria, con codice fiscale solo numerico, quindi non utile per accedere al portale per la prenotazione del turno di vaccinazione ». Tre quarti dei richiedenti rimangono quindi “sconosciuti” anche per l’anagrafe sanitaria. «Bisogna avere la consapevolezza che vaccinare tutte queste persone – conclude Rancilio – è un bene non solo per loro ma per l’intera collettività».

Fulvio Fulvi da Avvenire di martedì 18 maggio 2021

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Redazione

Latest videos

Clicca per maggiori informazioni