La Russia bombarda l’Ucraina, è guerra. Vittime

Forze russe sarebbero entrate in Ucraina anche dalla Bielorussia e dalla Crimea

La Russia bombarda l'Ucraina, è guerra. Vittime
La presidenza ucraina ha diffuso una foto che mostra un’esplosione nella capitale, uno scoppio con una densa nuvola di fumo

Quando a Mosca erano quasi le 6, Putin ha annunciato in tv l’attacco russo all’Ucraina. Subito si sono avvertite forti esplosioni nelle città ucraine. Non solo sul confine, ma fino a Odessa, Kharvik, Mariupol, Leopoli e anche nella capitale Kiev, dove sono suonate le sirene d’allarme e i russi avrebbero tentato di prendere il controllo dell’aeroporto. La presidenza ucraina ha diffuso una foto che mostra un’esplosione nella capitale, uno scoppio con una densa nuvola di fumo, vicino ad un parco. Forze russe sarebbero entrate in Ucraina anche dalla Bielorussia e dalla Crimea. Kiev afferma di aver abbattuto un caccia russo nell’Est. Per la Cnn, l’attacco avrebbe già fatto centinaia di vittime.

Ore 14.58 Quattro persone sono state uccise e dieci ferite quando un colpo d’artiglieria russo ha colpito un ospedale a Vulhedar, nella regione di Donetsk. Fra i feriti vi sono sei medici. Lo fa sapere il comando militare ucraino.

Ore 14.46 Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è riunito con il Consiglio di Sicurezza nazionale della Casa Bianca. Lo riferiscono fonti dell’amministrazione.

Ore 14.32 Il consigliere presidenziale ucraino Mykhaylo Podolyak afferma che ci sono pesanti combattimenti all’aeroporto militare di Hostomel, circa 30 chilometri a nord-ovest di Kiev.

Ore 13.58 “Tutti gli stati frontalieri hanno dei piani per accogliere immediatamente i rifugiati dell’Ucraina e abbiamo moltissimo supporto, corridoi umanitari per le persone che avranno bisogno. Aumenteremo l’aiuto all’Ucraina” oltre agli 1,2 miliardi già decisi, ha detto la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen.

Ore 13.52 Due razzi hanno colpito due unità militari nella città di Brovary, alla periferia di Kiev, provocando almeno 6 morti e 12 feriti.

Ore 13.50 “Lo ripeto: le nostre truppe non ci sono. Ma se è necessario, se è necessario per la Bielorussia e la Russia, ci saranno”, ha affermato Lukashenko in un commento riportato dall’agenzia di stampa statale Belta.

Ore 13.46 Le autorità europee hanno disposto il divieto per l’aviazione civile di sorvolare lo spazio aereo dell’Ucraina e delle zone limitrofe interessate da azioni militari. Lo rende noto l’Enac.

Ore 13.45 Il presidente francese Emmanuel Macron, in un solenne discorso alla nazione: Vladimir Putin compie il “più grave oltraggio alla pace e alla stabilità in Europa”. È un “atto di guerra”, a cui risponderemo “senza debolezza”, con “determinazione” e “unità”. La libertà del popolo ucraino “è la nostra”.

Ore 13.04 “Diplomaticamente, politicamente, economicamente e – eventualmente – militarmente, questa orribile e barbara avventura del dittatore Vladimir Putin deve finire con un fallimento” ha detto il premier britannico Boris Johnson nel suo messaggio alla nazione. Ha aggiunto che l’Occidente deve “porre fine collettivamente” alla sua dipendenza dal petrolio e dal gas russo “che per troppo tempo ha dato a Putin il controllo della politica occidentale”.

Ore 12.25 Forti scontri sono in corso a 120 km a nord di Kiev tra le truppe russe e le forze di difesa ucraine. Lo riferiscono all’Ansa fonti qualificate. Scontri simili sarebbero in corso anche nella regione di Kharkiv.

Ore 12.17 “L’operazione militare della Russia è mirata a smilitarizzare e denazificare l’Ucraina” ha dichiarato il Cremlino, citato dalla Tass. “L’operazione durerà il tempo necessario”. Autorità di frontiera ucraine: elicotteri russi attaccano l’aeroporto militare di Gostomel, vicino a Kiev. Il ministero dell’Interno: abbattuti tre elicotteri russi.

Ore 11.59 Due navi civili da carico russe sono state colpite da missili ucraini nel mare di Azov. Ci sono vittime, riporta la Tass.

Ore 11.56 Almeno 6 vittime a Brovary, vicino a Kiev. Lo dice il sindaco.

Ore 11.51 “Almeno 18 vittime a Odessa in un raid missilistico” riportano le autorità regionali.

Ore 11.21 Lo Stato maggiore delle forze armate di Minsk ha chiuso parte dello spazio aereo bielorusso ai voli civili.

Ore 11.03 “Più di 40 soldati ucraini e circa 10 civili sono stati uccisi”. Lo rende noto la presidenza ucraina.

Ore 10.52 L’esercito russo afferma che i civili in Ucraina “non hanno nulla da temere”.

Ore 10.12 Tutti coloro che sono pronti e sanno come utilizzare le armi possono unirsi alle Forze di difesa territoriale delle Forze armate ucraine nella loro regione, scrive su Facebook il ministro della Difesa ucraino, Oleksiy Reznikov. Il Paese, afferma, “sta passando alla modalità di difesa completa”.

Ore 9.34 L’esercito bielorusso non sta partecipando all’invasione russa dell’Ucraina. Lo ha dichiarato il presidente Lukashenko.

Ore 9.07 Lunghe colonne di auto in fila nel tentativo di uscire da Kiev, temendo l’arrivo dell’esercito russo.

Ore 8.48 Mosca ha chiuso la navigazione nel Mar d’Azov, tra la l’Ucraina e la Russia. In connessione con quelle che definisce “attività antiterroristiche”, un rappresentante dell’Agenzia federale per il trasporto marittimo Rosmorrechflot ha detto alle agenzie russe che “la navigazione è sospesa dalle 4:00 (0100 GMT) del 24 febbraio fino a nuovo avviso”.

Ore 8.37 Almeno sette persone sono morte e altre nove sono rimaste ferite a causa dei bombardamenti russi in Ucraina: lo riporta la Bbc. Ci sono anche 19 dispersi.

Ore 8.23 Il messaggio del presidente russo Vladimir Putin sull’avvio di un’operazione militare era probabilmente registrato. Lo riporta il Guardian. Secondo alcuni osservatori Putin lo avrebbe registrato lunedì scorso. I metadati mostrano infatti che il file del video è stato caricato sul sito del Cremlino il 21 febbraio.

Ore 8.03 “Ci stanno evacuando dagli uffici della mia azienda. Per ora stiamo a Kiev, poi si vedrà”. Lo conferma all’Ansa un testimone oculare ucraino. “Lo hanno fatto davvero alla fine, non ci posso credere”.

Ore 8.03 L’invasione russa dell’Ucraina “scuote le fondamenta dell’ordine internazionale, che non consente tentativi unilaterali di cambiare lo status quo”. Il premier giapponese Fumio Kishida, al termine del Consiglio di sicurezza nazionale, ha detto che Tokyo “condanna fermamente la Russia. Coordineremo gli sforzi con la comunità internazionale, compresi gli Stati Uniti, e affronteremo questo problema rapidamente”.

Ore 7.54 Il presidente bielorusso Lukashenko ha convocato i capi delle forze armate.

Ore 7.44 Testimoni oculari riferiscono che a Kiev si stanno formando “lunghe file ai benzinai” e il traffico nelle strade, specie in periferia, “è intenso”. Gli abitanti della capitale, stando a due diverse testimonianze e alle app di monitoraggio del traffico, stanno cercando di lasciare la città. In piazza dell’Indipendenza, nel centro di Kiev, alcune auto della polizia, con i megafoni, hanno invitato i passanti “a rifugiarsi nei sottopassi” e poi rientrare immediatamente nelle proprie case.

Ore 7.13 “Le difese aree dell’Ucraina sono state soppresse”. Lo sostiene il ministero della Difesa russo, citato dalla Tass.

Ore 6.59 Le forze armate dell’Ucraina hanno annunciato che la contraerea ha abbattuto un caccia russo Sukhoi nell’est del Paese. Lo riferiscono i media locali. Le sirene stanno suonando anche a Leopoli, nell’Ucraina occidentale, dove si sono trasferiti molti diplomatici.

Ore 6.54 Le truppe russe stanno attaccando l’Ucraina anche dalla Crimea, oltre che dal confine russo e bielorusso. Lo denuncia Kiev, secondo quanto riferisce la Cnn.

Ore 5.20 “È il momento più triste del mio mandato da segretario generale Onu. Devo cambiare il mio appello: presidente Putin, nel nome dell’umanità, porta indietro le truppe russe”. Lo ha detto Antonio Guterres. “Questo conflitto deve fermarsi ora”, ha aggiunto: “Quello che mi è chiaro è che questa guerra non ha senso e viola i principi della Carta Onu”.

Ore 5.16 “Putin ha lanciato un’invasione su larga scala dell’Ucraina. Le pacifiche città ucraine sono sotto attacco. Questa è una guerra di aggressione”. Lo twitta il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba.

Ore 4.46 Kiev: l’invasione russa è iniziata.

Ore 4.35 “Il presidente russo Vladimir Putin ha scelto una guerra premeditata che porterà una catastrofica perdita di vite umane e sofferenza”. Lo afferma il presidente americano Joe Biden.

Ore 4.14 Forti esplosioni sono state sentite a Kiev. Lo riporta Cnn.

Ore 4 Putin in televisione dichiara: “Ho preso la decisione di un’operazione militare”, definendo inaccettabile un’ulteriore espansione a est della Nato. La Russia “non farà lo stesso errore due volte nel compiacere l’Occidente” afferma Putin.“Chiunque tenti di crearci ostacoli e interferire” in Ucraina “sappia che la Russia risponderà con delle conseguenze mai viste prima. Siamo preparati a tutto. Spero di essere ascoltato”.

Dal sito di Avvenire del 24 febbraio 2022

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Redazione

Latest videos

Clicca per maggiori informazioni