Le diversità. Oltre i nostri confini

Change this Subheading

Image Box Title

Change this description

“Un po’ per paura di affrontare certi discorsi, un po’ per ignoranza, si tende ad associare il depresso al malato psichiatrico al pazzo. Ed è questo che spaventa. Invece di depressione bisogna parlare perché solo parlando si riesce a indirizzare ci ne soffre verso le cure migliori”.

Lo afferma Gianni Cristallo che nel suo libro Le diversità. Oltre i nostri confini (Altrimedia Edizioni) affronta con coraggio la tematica della depressione – definita “epidemia globale”, nel 2030 sarà la pri­ma malattia più invalidante al mondo –, l’unico tabù nella società del terzo millennio ormai impermeabile a tutto.

Un disagio che l’autore ha vissuto sulla propria pelle, alla ricerca della terapia ottimale per aiutarlo a superare i momenti bui. Il racconto, lucido e coinvolgente, di quegli anni vissuti tra “viaggi della speranza”, illusioni e dispiaceri fa parte delle pagine più belle del suo libro. Solo nella seconda parte, prendendo spunto dai suoi studi. – è laureato in Scienze Politiche con indirizzo Storico-Politico -, con un’analisi sociopolitica dettagliata Cristallo parla della diversità su altri fronti, sottolineando come tutte le diversità siano alla base dei conflitti. È auspicabile invece, parafrasando il sottotitolo del libro, andare oltre i nostri confini, confrontarsi con le diversità, consapevoli che i confini significano incomunicabilità, ostacoli e non permettono di rendersi conto che ogni volta che sottraiamo qualche cosa stiamo perdendo tutti qualcosa.

Gianni Cristallo è nato a Matera nel 1975. Consulente Amministrativo autonomo, coltiva discipline sociologiche, filosofiche, psicologiche, psichiatriche e psicosomatiche. Ha ricoperto i più alti Incarichi e Cariche Statutarie in Organizzazioni di Volontariato Nazionali ed Internazionali in cui gli sono stati attribuiti alti Riconoscimenti e Onorificenze per la dedizione, il lavoro profuso e in generale per il suo grande e leale operato in tanti anni di attività. Attualmente è Ufficiale del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana, Docente di Primo Soccorso Educazione Sanitaria e Protezione Civile. Da ateo giunge a praticare una propria filosofia di vita, senza pretendere di darle un nome, un insieme di regole di comportamento di cui ancor oggi si fa promotore. Grande animalista e naturalista, è dedito al risveglio delle anime su tematiche che riguardano problemi familiari, assistenziali e soprattutto sociali. Ha pubblicato “Non voglio piangere più – Ritratto di una depressione” e “Piangete per gioia!”

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Redazione

Latest videos

Clicca per maggiori informazioni