Don Biagio Plasmati: 80 anni vissuti con il cuore e 55 anni di sacerdozio

80 anni: una tappa importante nella vita di questo sacerdote materano. Non meno importanti i 55 anni di sacerdozio che cadono nel giorno di S. Giuseppe, in quest’anno giubilare che la Chiesa ha dedicato al patriarca di Nazareth. Per l’occasione Logos ha voluto dedicare un piccolo servizio alla figura di don Biagio.

Una parola per rompere il ghiaccio con ciascuno perché nessun interlocutore si sentisse a disagio: dagli alunni della Scuola Media “N. Festa” a quelli dell’Istituto Magistrale “T. Stigliani”, dai fedeli della Cattedrale di Matera – dove è stato 20 anni viceparroco – ai giovani dell’MGM (Movimento Giovanile Missionario) dove ha investito le sue energie di giovane sacerdote, dai carcerati – presso cui è stato per 30 anni cappellano – ai parrocchiani della chiesa dell’Immacolata di Matera, che ha servito come parroco dal 1989 al 2017.

“Don Biagio: un uomo, un sacerdote con la voglia di comunicare a tutti l’amore per Gesù e per Maria. Lo ha dimostrato tutti i giorni, attraverso il contatto semplice e vero con uomini, donne e bambini, giovani e meno giovani, poveri e detenuti.

Ciò che più mi è rimasto nel cuore e nella mente, è la sua ‘libertà’. Lui era il parroco, faceva il parroco ma nel concreto era un amico, un confidente. Dava a ciascuno la possibilità di servire la comunità parrocchiale secondo le proprie attitudini”, ci testimonia suor Immacolata, dell’Istituto “Povere Figlie della Visitazione” che, insieme ad altre consorelle, per 12 anni ha servito e animato la comunità parrocchiale con tanta creativa generosità accanto a don Biagio.

È vero, don Biagio Plasmati è un uomo libero e che lascia libero chi è a fianco a lui, mite e rispettoso.

“Adoro questa foto: credo che rappresenti appieno l’affetto di don Biagio!”, ha detto una mamma.

Chiesa dell’Immacolata – Matera, 26/05/18, prime comunioni (ph. D. Fittipaldi)

“Don Biagio è un papà, tutto quello che dice ti avvolge, tanto da farti sentire protetta. Ricordo una sera, lo avevamo incontrato e lo accompagnammo in parrocchia. Iniziammo a parlare dell’esistenza di Dio: io quella sera, non volevo tornare a casa, ma continuare ad ascoltarlo”, racconta una catechista. Che coincidenza la sua mite paternità, tratto tipico della figura di S. Giuseppe, con il fatto che è stato ordinato sacerdote proprio il 19 marzo!

E il silenzio umile è l’altro lato che accomuna don Biagio Plasmati al patriarca di Nazareth: “Grazie, don Biagio, per tutto quello che in questi anni ci ha insegnato con la sua umiltà e il suo amore”.

Il cuore è il centro della spiritualità di don Biagio: la formazione deve passare per il cuore, bisogna convertire il cuore… È questo che don Biagio ancora una volta ha sottolineato nell’omelia che ha tenuto ieri 19 marzo presiedendo la celebrazione di ringraziamento, nel giorno del suo 55° di sacerdozio, nella Chiesa dell’Immacolata di Matera. Prendendo esempio da S. Giuseppe che, “con cuore di padre”, ha custodito il Redentore.

19 marzo 2021: 55° anniversario di sacerdozio di don Biagio.

Entrare in relazione con gli altri è l’altro aspetto peculiare di don Biagio Plasmati, andando al di là del principio pur di recuperare un rapporto umano. “La carità prima della legge” è un’altra massima che accomuna don Biagio a S. Giuseppe. Non di meno, il desiderio di imparare ad utilizzare i mezzi moderni che la tecnologia ci offre per interagire e informarsi, chiedendo informazioni ai più giovani ogniqualvolta fosse necessario.

Uscita parrocchiale di fine anno pastorale. Trani (17/07/10)

E allora, ancora tanti auguri, don Biagio, per il tuo 55° di sacerdozio.

Timmari – S. Salvatore (25/04/17)

“Grazie, don Biagio, per averci avvicinato a Gesù con l’amore sincero per ogni persona, grazie della tua disponibilità, grazie perché c’eri sempre, grazie per il tuo sacerdozio, grazie al Signore per la tua esistenza”.

Uscita parrocchiale a Caserta e Pompei (03/01/11)
Festa della Bruna (02/07/19)

Auguri cari, don Biagio, per questi tuoi preziosi 80 anni “donati al Signore, vissuti con il cuore”.

“Ti siamo grati, don Biagio, per la fede che ci doni nel tuo sguardo lieto”.

50 anni di sacerdozio di don Biagio (01/04/16)
50 anni di sacerdozio di don Biagio (01/04/16)

“Infiniti auguri, caro don Biagio: gli anni passano ma per voi il tempo è fermo. Gesù vi dona da sempre la grazia della sua semplicità che vi rende unico, pronto ad affrontare ogni situazione con un dolce e accogliente sorriso. Possa la sua Grazia continuare ad essere abbondante su di voi per poter continuare a portare a tutti noi la vostra gioiosa semplicità”.

Prime comunioni, anno 1998

Buon prosieguo nel tuo cammino di santità, “con l’augurio di averti con noi nel nostro cammino per tanto e tanto ancora!”.

Ad multos annos!

Chiesa dell’Immacolata, Matera,
don Biagio Plasmati e don Vincenzo Di Lecce (parroco emerito e attuale parroco)

Tutti gli amici che nella Chiesa hai servito in questi anni

Auguri Don Biagio
E’ più importante per noi di un equinozio
ricordare il tuo 55° anniversario di sacerdozio.
Nel giorno di San Giuseppe è stato un grande evento,
per te quando hai ricevuto l’Ordine come Sacramento.
Per chi t’ha conosciuto sei sempre lo stesso:
come eri ieri, così sei anche adesso.
Forse perché di aspetto un po’ magrolino,
con affetto qualcuno ti chiama Don Biagino.
Oggi diciamo “E’ stato per te cosa da pazzi
occuparti di noi giovani ragazzi”.
Fra mostre, ritiri e riunioni,
con te abbiamo parlato di Missioni.
Ci hai insegnato a donare a chi ha la mano tesa
e ad essere al servizio della Chiesa.
Del tuo iniziale periodo di sacerdote siamo stati le gemme,
quelli che tu chiami “bravi ragazzi” dell’ MGM (emmegiemme).
Aver fatto maturare in tanti giovani la fede,
ed oggi i frutti del tuo seminare lo si vede.
A celebrare nozze, battesimo o funerale;
questo era il tuo ruolo stando,per un periodo, in Cattedrale.
Non era certo bella quella realtà:
vivere in una chiesa senza comunità!
Poi un dì finalmente ti fu donata
la parrocchia dell’Immacolata.
Ogni fedele per te è figlio o figlia,
e così ecco si è costituita la tua famiglia.
E come ai poveri piaceva il grande Gandhi,
così il tuo parlare piace ai piccoli ed ai grandi.
Per un periodo ti sei anche occupato,
lì in via Cererie del fratello carcerato.
E’ bello notare che è una grande dote,
il tuo carisma di essere un grande semplice sacerdote.
Sei nato il 20 marzo giornata primaverile,
ancora oggi hai sempre unaspetto giovanile.
Oggi ci è inoltre cosa assai gradita,
ricordare gli ottant’anni della tua vita.
Siam certi che il Signore ti sarà sempre vicino,
in questo tuo lungo futuro cammino.
Il tuo amore sia sempre rivolto a tutti,
dia bei fiori e poi ottimi frutti.
Ed oggi con piacere, in preghiera, ci siamo  ritrovati,
per ringraziare il Signore caro don Biagio Plasmati.
Voglio precisarti che tutto questo l’avevo già scritto 30 anni fa,
ed è proprio vero che la Parola non tramonta mai quando è verità.
Oggi viviamo un tempo particolare di pandemia,
in modo diverso ma profondo esprimiamo gli auguri e così sia.
Auguri di ogni bene, di buona salute e di santità,
per ritrovarci ancora nei prossimi anni tutti insieme come una grande comunità.
Angela Cotugno

When you collapse an accordion item and save, it will automatically display collapsed in front end

Accordion Item

When you collapse an accordion item and save, it will automatically display collapsed in front end

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Giuseppe Longo

Latest videos

Clicca per maggiori informazioni