Progetto salute del PNRR, opportunità per la sanità lucana

Come migliorare l’assistenza sanitaria nel territorio lucano? A Montescaglioso sabto 11 giugno 2022 alle ore 9,00 presso l'Abbazia di San Michele Arcangelo si terrà un dibattito tra medici di famiglia sul ruolo delle case della salute e degli ospedali di comunità.

Non spetta solo alla politica e al piano nazionale di ripresa e resilienza tracciare il programma per il rilancio dell’assistenza sanitaria territoriale.

Ne sono convinti i medici di famiglia della FIMMG (Federazione Italiana Medici di Medicina Generale) che, dopo un primo incontro nel capoluogo di regione, presente il segretario nazionale, portano il dibattito in provincia di Matera.

Sabato 11 giugno se ne discuterà a Montescaglioso dalle 9 alle 12 nell’Abbazia di San Michele Arcangelo.

Sul ruolo delle case della salute e degli ospedali di comunità si confronteranno medici di famiglia con più anni di esperienza insieme a giovani medici che, superato il corso triennale di formazione specifica, hanno scelto di rimanere a lavorare in regione. 

Saranno presentate delle proposte per una migliore organizzazione del lavoro che consenta di farsi carico dei bisogni assistenziali del territorio (in particolare anziani e fragili) grazie alla collaborazione più stretta tra i diversi operatori della sanità (medici di base, infermieri e specialisti).

Si parlerà del potenziamento dell’assistenza domiciliare e delle opportunità offerte dalla telemedicina tenendo anche conto della carenza dei medici che inizia a farsi sentire sia in ambito ospedaliero che nella medicina generale.

Parteciperanno tra gli altri il segretario regionale della FIMMG Dott. Antonio Santangelo e il segretario della Provincia di Matera Dott. Michele Campanaro.

IL RESOCONTO DEL CONVEGNO

Si è tenuto sabato scorso a Montescaglioso, presso l’Abbazia di San Michele Arcangelo, un incontro tra medici di famiglia della Basilicata sul tema: “Medicina 2.0, territorio Lucano in evoluzione”.

Con l’approvazione del DM 71 che fissa i modelli e le dotazioni standard per l’assistenza primaria, in ogni regione si è messa in moto la macchina amministrativa per definire il nuovo assetto dell’assistenza territoriale: l’obiettivo principale è quello di istituire dei nuovi presidi territoriali, Case della Comunità ed Ospedali di Comunità, che garantiscano la prossimità delle cure sul territorio.

In regione sono previste 13 Case di Comunità in provincia di Potenza e 6 in provincia di Matera, 4 Centrali operative territoriali, due per ciascuna provincia, e 5 Ospedali di Comunità, tre in provincia di Potenza e due in provincia di Matera.

Per i medici di famiglia sono evidenti delle criticità nei criteri adottati per la localizzazione di queste strutture: lasciando scoperta Matera e l’intera fascia Jonica una larga fetta della popolazione sarà costretta a spostarsi per usufruire dei nuovi servizi vanificando così Il principale obiettivo della riforma che è quello di decongestionare i Pronto soccorso.

La perplessità maggiore dei medici riguarda non tanto “il contenitore” della riforma, quanto il “contenuto”: chi dovrà lavorare in queste strutture, con quali compiti, con quale compenso e con quali risorse?

La FIMMG Basilicata ha elaborato una prima bozza della possibile ripartizione oraria del lavoro dei medici di assistenza primaria che il nuovo ACN (accordo collettivo nazionale) fissa per tutti a 38 ore settimanali: a seconda del numero degli assistiti (è possibile acquisire un massimo di 1500 scelte) ciascun medico trascorrerà una parte del monte ore nel proprio ambulatorio ed una parte all’interno del Distretto, dell’Ospedale di comunità e delle Case di Comunità.

I compiti da svolgere in questi presidi dovranno essere definiti punto per punto nel nuovo Accordo Integrativo Regionale (AIR), ultimo dei quali siglato nel lontano 2008.

La FIMMG Basilicata chiede pertanto la convocazione urgente del tavolo tecnico regionale per la definizione del nuovo Accordo per far sì che la grande opportunità data dalla Missione 6 del PNRR e dal DM71 non resti uno specchietto per le allodole con le Case di Comunità a fare da Cattedrali nel deserto dei calanchi lucani.

All’incontro di Montescaglioso hanno preso parte, oltre a molti giovani medici, il segretario regionale della FIMMG Dott. Antonio Santangelo ed il segretario della Provincia di Matera Dott. Michele Campanaro.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Redazione

Latest videos

Clicca per maggiori informazioni